La lunga notte di Giacobbe

Il messaggio di Cristo nel mio sogno di bellezza

LA NOSTRA STORIA COMU ‘NNI LA CUNTARU

SICILIANITA’

 Il contastorie

Il contastorie è un uomo di un’età nè tanto avanzata nè verde; nè si può dire che sia un’età di mezzo perché il contastorie non ha età.
Egli arriva quando l’uditorio è al completo; il suo abito è un’insieme di rappezzi e di sporchezze. Quando arriva si toglie il fazzoletto dal collo e lo getta sopra qualcosa come un legno sporgente dal muro; un cencio di cappello appende ad un chiodo, beve un bicchiere di vino alla salute di tutti, si siede, tossisce e inizia la narrazione.
Coi movimenti degli occhi, della bocca, delle braccia, dei piedi, conduce i suoi personaggi, li presenta, li fa parlare come ragion vuole; ne ripete per punto e per virgola i discorsi, ne declama le aringhe, fa schierare in battaglia i soldati, li fa venire a zuffa agitando violentemente le mani e pestando coi piedi. Il bollore cresce: i suoi occhi si spalancano, le nari dilatano, e i piedi alternativamente battono il suolo.
Tra un bicchiere di vino e un altro, infiora il racconto di facezie e, quando l’estro lo trasporta, si alza imbandisce un’asta di legno e figura duelli con i suoi personaggi.

(PITRE’)

La nostra storia comu nni’ la cuntaru

 

 CANTO:    C’ERA ‘NA VOTA

C’era ‘na vota e sempri ci sarà
la storia d’ogni omu chi vogghiu raccunta’
la storia d’ogni omu chi vogghiu raccunta’!

C’eranu li re e li surdati ‘nguerra
li dami chi sugnavanu ‘na storia tantu bella
li dami chi sugnavanu ‘na storia tantu bella!

Intermezzo musicale

 ‘Ntisi di pirati chi javanu a ruba’
li fimmini a la casa nun vitti cchiù turna’
li fimmini a la casa nun vitti cchiù turna’!

Un tempu lu populu patì la carestia
gridava: “lu pani”! la genti pi la via
gridava: “lu pani”! la genti pi la via!

Intermezzo musicale

La figghia d’u baruni, di un picciottu amanti,
fu ‘nchiusa di lu patri a la casa pi’ sempri
fu ‘nchiusa di lu patri a la casa pi’ sempri!

Fannu maravigghia li stori di li santi
si cunta lu miraculu e chiddu chi t’inventi
si cunta lu miraculu e chiddu chi t’inventi!

Il contastorie entra in scena. Con passi lenti si avvia verso il suo posto; ha con se una fiaschetta di vino, che tiene gelosamente sotto il braccio, e un bastone su cui si appoggia lievemente.
Guarda compiaciuto la vecchia sedia e il banchetto da lavoro. Ridacchia. Posa la fiaschetta per terra ma subito dopo ci ripensa: getta un’occhiata diffidente ai suonatori, grugnisce, riprende il suo tesoro con avidità e lo colloca sotto il banchetto.
Ora è più rilassato; appoggia il bastone sul muro e si toglie riverente il cappello malconcio e lo appende ad un chiodo. Sospira rumorosamente. Si slega il fazzoletto dal collo e si soffia così forte il naso da spaventare se stesso. Alla fine si avvicina al suo pubblico.

CONTASTORIE
Signori di l’autorità, burgisi e fimmini di casa
omini di campagna, stagnatari e santi di paraddisu!
Mastri d’ascia, conza lemmi e banniatura.
granni e nichi chi aspittati la cugnintura.
Ora è l’ura! E vui signura, nun vi abbiliati s’aspittati
pi’ vostra grazia e biddizza ci sunnu puru li sunatura.
Pi tutti quanti e li scarpara comu a mmia
Mastru Totò…
(fa l’inchino)
…e cu l’attenta s’arricria!
Pi certuni sugnu mastru sputaccheri,
pi certavutri sulu Totò, conza scarpi e ‘nqueta puntuneri.
Ma cuntari e lu me’ misteri!
Vecchiu, giovini o picciriddu mi presentu: mastru Totò di lu vurghiddu!
(Breve pausa)
Stasira, ‘lluminata di la vostra gentili presenza,
lu cori m’ispira, e vi cuntu ‘na storia di svintura e di speranza.
La storia di lu populu sicilianu, e di Marineo,
sì, la nostra storia cumpari Marianu!
Accuminciannu di li saracini finu a Garibaldi “lu liberaturi”
n’amu passatu quantu vosi lu Signuri.
La storia si facissi avanti, e parrassi, dicennu la verità su tutti quanti!

Musica di inizio.

Entra una donna in scena: la Rocca.

LA ROCCA
Migghiara d’anni stetti ad aspittari
prima chi qualcunu di mia si putissi ‘nnamurari.
Quantu voti viandanti ti vitti passari lestu lestu pi’ la via.
Si avissi avutu vuci pi gridari:
pi favuri stranieru nun ti nni iri senza li to’ passi rallentari!
Attenta chi ti dicu: nni mia riparu po’ truvari,
cunfortu dugnu comu ‘na matri,
e chi gioia la me vista quannu torni di travagghiari
picchì io da sempri sugnu ccà ad aspittari.

CONTASTORIE
Domando scusa bedda signura, ma quantu anni aviti, si è lecitu sapiri,
picchì vui parrati di migghiara d’anni!
Forsi ca lu vostru è un modu di diri?
E poi pirdunatimi, ma chi bisognu aviti di circari u ‘nnamuratu?
Si vi tagliati ‘ntunnu già l’aviti truvatu!
(Allusione a sé stesso)

LA ROCCA
Io sugnu vecchia chiossà di la storia di stu’ paisi!
Criditimi cuntastori: sugnu l’anima di la rocca, la matri di li marinisi!
L’amuri chi circava da tempu l’attruvavi,
quannu lu primu di stu’ paisi ‘na petra a li me’ pedi vinni a pusari.
Ma ora ca sugnu ccà haiu lu piaciri di ricurdari,
e ‘nzemmula a vui mastru Totò la nostra storia raccuntari.

(Rullo di tamburi)

CONTASTORIE
Signori di l’autorità, burgisi e fimmini di casa
omini di campagna, stagnatari e santi di paraddisu…
chistu l’avia dittu…
grapemu lu sipariu, e petri petri cuntamu la storia di tutti nuatri.

(Musica)

Entrano in scena correndo alcuni popolani con l’aria terrorizzata

1° Popolano:  Li saracini!…
2° Popolano:Li nivuri! Li nivuri arrivaru!
3° Popolano:  Scappamu!
4° Popolano:  Li saracini sbarcaru a Marsala! Chi cosi tinti! Arrubbanu li nostri casi, si pigghianu li terri…
1° Popolano:  Tuttu chiddu chi pussidiamu nun l’avemu cchiù!
2° Popolano:  E ama a ringraziari Diu si semu ancora vivi!

CONTASTORIE 
Li saracini sbarcaru comu vestii affamati
si scuntraru cu li cavaleri di Bisanziu senza nudda pietati.
Volanu testi e vrazza sutta li corpa di spata,
sangu oggi scurri ‘nna li ciumi di sta’ terra marturiata.
Li saracini sbarcaru,
misiru pedi ‘nna l’isola di lu suli e c’arristaru.
Era lu 14 di un ‘gnornu di metitura di l’ 827.
Cala la notti, ma lu suli rinasci a la matina
e lu cori di tutti agghiurnà di spiranza ancora megghiu di prima.
Li saracini pi amuri di sta bedda terra si sbrazzaru,
e di littra, arti e scienza nn’arriccheru!
E fu accussì ca arabi, siriani, berberi e persiani divintaru Siciliani!

Contastorie: 
E di sta’ miscugghia di razzi nasci la storia d’amuri di Mata e Grifuni!

Entra in scena un saraceno con una scimitarra in mano brandendo colpi a destra e a manca.

Contastorie: 
Era Grifuni un tintu saracinu,
granni e grossu
e la genti trimava a lu sulu pinseri di sapillu vicinu!
Ma un gnornu ddu cori di petra battì d’amuri
pi Mata, ‘na missinisi bedda comu un ciuri.

Entra in scena una fanciulla cantando una canzone d’amore, ignorando il saraceno che le lancia occhiate di fuoco.

Grifone:
Stidda di lu vesperu, sorgenti in terra arsa,
Lu sangu mi rivugghi e mi cunfunni la testa!
Lu focu di lu desertu scurri dintra sti vini!
Petra priziusa pi mia vi vogghiu e nun sentu ragiuni!

Il contastorie scuote il capo con disapprovazione e la fanciulla si indigna di fronte all’arroganza del saraceno.

Mata:
Signuri di l’arroganza senza modi e ne’ finizzi!
Chi aria, chi baldanza! Nun mi interessati! Faciti puru fiamma e focu,
ma dintra lu me’ pettu vui… nun truvati locu!

Grifone:  Donna ‘ngrata! Tantu onuri osati rifiutari?
Mata:  Sì!
Grifone:  Mancu li mura di Castrogiovanni firmaru la me’ furia!
Mata:   Nun m’inpressionati.
Grifone:   Fimmina… di scarsa fattura!

 La fanciulla riprende a cantare. Il saraceno, avvilito, si avvicina al contastorie e lo supplica.

Grifone:
Cuntastorii, aiutatimi vui! Picchì la raggia la menti mi ‘nfusca,
e tempu di nenti… vi putissi fari satari la testa!

Contastorie: 
Oh! emuci adaciu!
Chi curpa n’haiu io si siti un malu prucidusu?
Modi ci vonnu… e gentili prisenza.
Pi conquistari lu cori di ‘na donna nun s’addici la vostra priputenza!
Cantatici lodi a nun finiri,
e l’amuri ci nasci a Mata, cu li boni maneri.

Grifone:
Io sugnu un omu di guerra e sacciu cummattiri!
(Brandisce la scimitarra)
Ah… ah! Nun haiu pacenzia di mettimi a pinsari,
ma cu la forza la putissi conquistari!

Contastorie:
Binidittu cristianu e sant’omu… tantu pi diri!
Bastassiru quattru paroli, ‘na struficedda la putissivu ‘nvintari!
Pi chissa cosa ci sunnu li sunatura,
‘mprisiati datu ca sunnu ccà! A la bon’ura!

Il saraceno va verso i musici con aria minacciosa.

Grifone:
Vuatri ca arriditi di la me’ svintura,
dativi da fari! picchì la pacenzia staiu pirdennu,
circati cocchi cosa di bellu di putiri diri!

Musica di sottofondo.

Musico:
Quanta biddizza risplennni pi terri e mari!
e lu suli la matina si vriogna a cumpariri!
Vuccuzza russa… ogni surtanu la vurrissi gustari
e la cirasa, ‘nta l’estati, cchiù nun voli maturari!
Occhi radiusi… li stiddi hannu fattu ‘mmidiari
e ogni cosa ‘sa chi dassi pi farisi taliari!
Manuzzi d’oru… sita prigiata nun ci va ‘mpari
e la mimusa va contro natura e si fa accarizzari!
Vucidda d’incantu… lu cielu si cala ad attintari
e li venti si sciarrianu pi cu l’avi a purtari!
Tanta biddizza risplennni pi terri e mari
e li perli di lu mari nescinu d’ammoddu e vi vennu a ‘ncoronari!

Grifone:    Di tanti beddi paroli almenu una nni vulissi pronunciari!
Mata:    Dilettu Grifoni!
Contastorie:    Ora ci calà a la signorina!
Grifone:    L’emozioni mi chiui la vucca e nun sacciu cchiù parrari!
Contastorie:    Bedda matruzza di lu Carminu…
Mata:    Cu granni gioia vi dicu sì, vi vogghiu maritari!
Grifone:    E io, pi amuri vostru, cristianu vogghiu addivintari!

Contastorie:
E a mia cu tuttu stu meli mi veni di lanzari!

Mata e Grifone escono di scena.

Contastorie: 
Quantu mi arricentu lu stomacu cu tanticchedda di vinu.

La rocca: 
Di Marineo di li tempi antichi pocu si sapi,
ma già ad epoca di li saracini tanti famigghi abitavano ‘ntà sti’ cuntrati.
Na’ li masserii si travagghiava la terra e si addivavanu l’armali,
gudennu ‘mpaci di li ricchizzi di l’isola di lu suli.
Ma si sapi ca li cosi belli duranu pocu,
picchì l’omu è d’accussì:
nun po’ stari senza di la guerra addumari lu focu.
Arabi e normanni si scuntraru e finì la paci.
Mastru Totò a vui la parola di chiddu chi la storia dici.

Contastorie:  
Ora ci semu! Li normanni scinneru di lu continenti,
e pi l’isola di lu suli si ‘mbarcaru pi fari la guerra santa!

Entra in scena un iroso saraceno con la scimitarra sguainata.

Contastorie: 
Ma chi è? N’atru nni spuntà?

Saraceno:  Ah!

Contastorie: 
Ma allura la crozza l’aviti comu li basuli… arrè ci batti!

Il saraceno è raggiunto da un soldato normanno: i due si guardano minacciosi sfidandosi.

Contastorie:   
Cu l’aiutu di li cristiani facili fu viniri
ma pi tant’anni la conquista pari nun finiri!
La prima a cadiri fu Missina,
appressu Catania e poi Traina.
Quantu chianceru li siciliani, chi mala sorti!
Ma li normanni nun si firmaru,
dura fu la lotta, ma all’urtimu Palermu conquistaru.
Dui citati ristavano ancora di pigghiari:
Castrogiovanni e Noto, e quantu li ficiru sudari!
Fermi ddocu! L’aviti curta la memoria?
Ma io no! Dunchi, rispittamu la storia!
Tu, normannu billicusu, nova nun sintisti?
Lu conti Ruggeri a lu spargimentu di sangu dissi basta!
Li saracini ponnu godiri ancora lu suli sicilianu
‘nsemmula a li normanni, chi c’è di stranu?
Eh, sempri fu ricordata sta civiltati ‘nna li tempi a viniri,
normanni e musulmani, quantu belli così ‘nni lassaru!

I due combattenti depongono le armi ed escono di scena.

Contastorie: 
A li vostri casi turnativinni ‘npaci,
lassati perdiri la guerra, ca mai nenti di bonu fici.

(Rivolto ai musici)
Sarbannu u cuntastori e la latata femminili, s’intenti!
Lu sapiti quantu foru li re normanni?
Passata di brianti!

CANTO:     Normanni d’aspettu musulmani ‘ntra lu pettu.

 Quannu vinni lu conti Ruggeri
‘sta terra era ricca d’ogni beni,
abituatu com’era a li scarsizzi
pigghià cumannu e di l’occhi nun ci vitti.

Granni fu lu re so’ figghiu
era Ruggeri e vinni appressu d’iddu,
divotu all’arti a li santi e a li dinari
cappelli e chiesi nni fici costruiri.

Di lu friddu calaru ‘sti normanni
intenzionati ad armari guerri santi,
pi occhiu di populu si dissiru cristiani
pi lu restu foru musulmani!

E fu lu tempu di lu re Gugghermu
cu li Ruggeri currìa lu stessu sangu,
di la bon’arma nun nni pigghià un pilu
era fitusu e lu ‘nciuriaru “malu”.

L’urtimu re di lu casatu
fu Gugghermu di lu populu aduratu,
beddu di gusti e di cori iddu era “bonu”
a la so’ morti tutti li genti lu chiancieru.

Di lu friddu calaru ‘sti normanni
intenzionati ad armari guerri santi,
pi occhiu di populu si dissiru cristiani
pi lu restu foru musulmani!

 Alla fine del canto i musici brindano.

Contastorie: 
Eh… facemu festa! Pinsati a viviri e manciari,
li tempi duri stanno pi’ turnari!
Morsi Gugghermu lu bonu senza lassari figghi
Costanza era l’eredi,
ma vosiru Tancredi ca era unu di iddi.
A lu maritu di Costanza nun ci potti paci,
Enricu sestu re di la Germania comu la storia dici.
Ma mortu Tancredi lu puvireddu,
l’eredi Gugghermu terzu era un picciriddu.
A Enricu veru nun ci parsi
e cu ‘n esercitu sbarcà a Missina
facennu vidiri a tutti li scagghiuna!
E lu populu di l’isola di lu suli chi fari avia?
Calà la testa a lu novu re di la Sicilia.

Musica grave.

Contastorie: 
Pi tri anni, fina chi vosi lu distinu,
pagari tassi fici lu poviru sicilianu.
E quannu la genti stanca si ribellava
li ciumi addivintavanu russi di lu sangu chi currìa.
Sulu tri anni durà lu so’ guvernu
e si sapi ca la morti arriva pi tutti,
puru pi li potenti chi siminanu ‘nfernu!
Ma sta povera genti ancora lacrimi chianciri avia:
l’eredi era un picciriddu e rignari nun putia.
E fu accussì ca pi tant’anni l’isola cadì na’ l’anarchia.
Mortu Enricu sestu lu regnu passa’ a so’ figghiu:
Fidiricu secunnu, pi’ la corona nicareddu puru iddu,
ma a lu papa piacia, e accussi’ s’avia di fari,
comu sua santità dicia, tinennu fora lu Signuri.
Passaru l’anni e vinni lu tempu di guvirnari:
e Federico imperatore si misi a cumannari.
E chi lussu! E chi cultura!
Lu so’ regnu fu famusu pi’ la scienza e la letteratura:
di corti in corti sempri di iddu si parrava
e di la so’ scola poetica siciliana.

Musica per scena di corte.

Entra in scena un paggio. Seguono cavalieri e dame della corte di Federico II.

Paggio:  Sua maestà imperiale Federico secondo di Svevia!

Entrano in scena l’imperatore con il suo seguito. 

CANTO

Alla fine del canto un trovatore recita: Meravigliosamente di Jacopo da Lentini.
Dopo la poesia è il momento della danza.

MUSICA PER DANZA

Contastorie:
(Alla fine della danza)
Lu truvaturi cuntava,
stori di ‘na vota, antichi di mill’anni…
e l’amuri cantava,
e cunti di casteddi, dami curtisi e cavaleri valurusi.
Lu giuvini, comu voli la storia, era forti e liali
e nenti e nuddu lu firmava, quannu di ‘mmenzu c’era l’onuri.
Di guerri e battagghi fu sempri cavaleri
arricugghennu gloria e fama
ca lu vosi presenti in ogni quarteri.
Lu distinu avversu vosi ca amari avia
‘na dama, chi a n’avutru signuri appartinia.
Luntana comu ‘na stidda
stetti di li so’ occhi la bedda,
e errannu dispiratu di locu in locu
lu giuvini cavaleri ia murennu a pocu a pocu.

CANTO: ‘Na storia

MUSICO
Curri cavaddu, nun ti firmari,
sciogghi li brigghia e mettiti l’ali;
cori chi chianci patisci martirii
curri cavaddu fidili.

Pi amuri l’omu nun po’ muriri
l’onuri è forti, cchiù d’ogni sintiri;
o cavaleri di draghi e di mauna
vinci lu mali chi dintra ti cunsuma.

Donna di jorna persi e di nuttati
ne’ crina d’oru ne’ occhi ‘lluminati
ne’ vucca ‘nciuri ne’ manu aggrazziati
putrannu sciogghiri tant’onestati.

Prumissa nobili a tempu avanzata
spada e spiruna e la numina fu data,
chi ti ‘nn’arresta di ddi jorna gluriusi
si scudu renni e armatura posi.

Canta canturi di corti e signuri
di stori di guerra d’avventi e d’arduri,
cunta la sorti di un prodi cavaleri
pirdenti sulu in amuri.

La corte si ritira: le dame e i cavalieri fanno un corridoio per far passare l’imperatore con il seguito. Alla fine tutti escono di scena.

Contastorie:
Eh… cantamu e ballamu
ca di li guai di la povera genti nni scurdamu!
Ogni cosa chi accumincia, sempri avi a finiri
è questioni di tempu, amu a pacinziari.
(Beve del vino)
Fidiricu ‘na vita fici di sciarriarisi cu lu papa.
Lu primu nun calava la testa a la divina autorità;
lu secunnu, aggrappatu a lu poteri, s’avìa scurdatu la parola carità.
Sicilia, terra di suli e di mari,
di genti laburiusa e di biddizzi naturali!
Pi la to’ posizioni na’ lu continenti
li patruna di la terra t’hannu sempri vulutu dominari.
Morsi Fidiricu e a tanti ci vinni la ‘ntisa:
accuminciannu di sua santità lu papa,
ca comu si sta terra era la so’
manna’ a chiamari lu provenzanu Carlu d’Angiò.
Lu signor francisi partì pi la conquista
e a cu avanzà pritisi ci fici satari la testa.
Nun ci putia paci a li siciliani,
ca a guvirnari l’isola avianu a essiri li stranii.
e successi ‘Mpalermu, dintra ‘na chiesa, un lunedì di pasqua,
mentri la genti aspittava di priari li vespri.

CANTO: A morti a li francisi!

Durante il canto entrano in scena a gruppi dei popolani armati di asce, piccozze e vari arnesi da taglio. Si fermano a parlare con il contastorie. Più volte urlano: morti a li francisi! Poi escono di scena per un’altra via.

Contastorie:
Li divoti cristiani vinniru a sciarra cu li surdati francisi,
e di riuni in riuni la genti niscì fora di li casi.
Armati di raggia, asci favuci e rasteddi,
di santa ragiuni scipparu li puvireddi.
Nun si putia cchiù suppurtari l’oppressioni di l’invasuri,
un populu voli essiri liberu, comu voli lu Signuri.

Entrano in scena un gruppo di popolani con un soldato francese che trascinano con forza.

Francese:  Pi’ fauri lassatimi iri: sicilianu sugnu fina chi moru!

Contastorie: 
Oh, pi’ l’armuzzi santi decollati!
Ma lassatilu stari! Dati postu na’ lu cori a la pietati!

Popolano:  Misseri, prima vulemu la prova ca nun è francisi ma è nativu di lu  nostru paisi.
Francese:  Sugnu sicilianu com’era me’ patri e me’ nonnu!

Contastorie:
Ma si vidi ca è sicilianu! E pari appartiniri a nobili famigghia.
Nun facemu ca vi faciti pigghiari la menti di la raggia?

Popolano:  Ora videmu. Allura, nobili sicilianu, vuliti diri: tri ciciri stritti stritti ‘nna un tianu?
Contastorie:  Ora boh! Pirdistivu tutti lu sintimentu?
Popolano:  Allura: parrati o vi tagghiamu la lingua senza pinzarici du’ voti?
Francese:  Si, si! Tri…
Popolano:  Ciciri…
Francese:  Si… sisiri…

Si alza un urlo dal gruppo dei popolani.

Popolani:  A morti! A morti lu francisi!

I popolani escono di scena lasciando il contastorie costernato.

Contastorie:
Chistu nni ‘nzigna la storia:
si sdirrubba un tintu guvernu a prezzu di tantu sangu,
pi accanzari chi? Odiu a nun finiri chi porta sulu ‘nfernu.

La rocca: 

La storia n’avissi a ‘nzignari
a nun ripetiri li stessi sbagli, cuntastorii,
ma si sapi com’è l’omu: di ogni cosa prestu nni perdi la memoria.

Contastorie:
Bedda signura, chi di sta nostra storia
siti la lucerna chi nni ‘llumina la memoria,
cuntati di Marineo cu paroli di sintimentu,
tutti stamu aspittannu, disiusi, ddu mumentu!

La rocca: 
Pazientati ancora un pocu cuntastorii,
li guerri mali la bona genti fannu stari.
Ma già a ddi tempi si parra di un feudu di Marineo:
Di silvestre di Traina,
un riccu possidenti di Pollina.

Contastorie: 
Eh, li guerri mali fannu stari,
e sta’ terra la paci ancora l’avìa a disiari.
‘Mpustatu na’ la costa tunisina,
aspettava lu mumentu pi attaccari, don Petru di Aragona.
E quannu fu giustu lu mumentu
sbarca na l’isola di lu suli senza perdiri tempu.
Itivinni di la Sicilia omini senza onuri!
Crociati e angioini nenti pottiru fari,
e nna’ la nostra terra ci fu un novu re a cumannari.
Ma pocu durà ddu guvernu catalanu
picchì morti vinni a canciari lu distino di lu sicilianu.
Fidiricu vinni appressu, figghiu di la bonarma,
re prestu ‘ncoronatu pi addifenniri lu so’ casatu.
Ma li nemici nun davano abbentu,
Fidiricu misi manu a la spata senza perdiri tempu,
cummattennu a destra e a manca,
contru angioini e napulitani, e nuddu la fici franca.
Ancora guerra e guerra a nun finiri,
e la genti di sta terra nna lu cori scunsulati
pirdìa ogni averi e la propria dignitati.

Musica

Entra in scena un pover’ uomo, si avvicina al contastorie, lo guarda sconsolato, scuote la testa e scoppia a piangere. Il contastorie si commuove. L’uomo, poi, si avvicina ai musici invitandoli a partecipare a quel comune pianto, ma i giovani iniziano una breve musica burlesca. Alla fine l’uomo ritorna sui suoi passi ed esce di scena. Il contastorie ammonisce i musici con lo sguardo.

Contastorie:
A la morti di lu re Fidiricu, comu vosi lu Signuri,
li baruna eranu li patruna di l’isola di lu suli:
di un latu li latini, di l’atru latu i catalani
un putennu iri d’accordu si sciarriavanu comu li cani.
Ma Fidiricu ‘na figghia avia lassatu:
Maria, l’unica eredi di ddù casatu.
Eh, Maria regina ‘nfelici,
bedda di cori e di presenza comu la storia dici,
chi ‘nn’avistivu di la vita di corti
si lu duluri a vui signura vi detti na’ grossa parti.

Musica:

Entra in scena una bella fanciulla: è la regina Maria.

Maria: 
Io sugnu Maria, l’ultima regina di la Sicilia.
Regina di dirittu, ma nuddu poteri di fattu.
Prestu inizià le me’ svintura:
vinni a lu munnu e la matri mi fu livata allura allura;
fuvi appena signorina e lu patri, re Fidiricu,
puru iddu mi lassà, scunsulata ca nun vi dicu.
Subitu li pritinnenti di la corona
si misiru a sciarriari pi’ la me persona.
Lu nonnu maternu, il re Pietro quarto di Aragona,
rapiri mi fici un jornu, di lu casteddu di Catania;
purtata via di la me’ casa
io a un visconti già promessa sposa,
a un picciriddu di quattordici anni fui maritata.
Privata di tutti li me cari mi ritrovai in terra straniera:
tra Martinu lu vecchiu e Martinu lu picciriddu
sempri sula senza nuddu cunfortu.

Contastorie: 
Oh maestà chi tristi distinu!

Maria: 
Di tanti avutri cosi nun vi vogghiu rattristari,
quannu si cunta è nenti caru cuntastorii.
Fussi bonu essiri amata, ma l’importanti è amari.
Quannu m’ affacciava di lu casteddu e taliava versu lu mari,
li bellezzi di la me’ Sicilia nun sapiti quantu amavi!
La speranza è sempri viva ‘na lu cori,
e io sempri speravi di una vita megghiu, caru cuntastorii.

Contastorie: 
Forsi mai rignastivu ‘na sta terra di Sicilia,
ma maestà ci siti di la vita, picchì la grazia vi fa regina.

Il contastorie porge una rosa alla regina Maria.

Canto d’amore.

La regina Maria viene incoronata dai musici, e alla fine del canto esce di scena.

Contastorie:
A la bon’ura murì Martinu lu vecchiu. Re senza onuri:
pi li vostri malifatti vi l’aviti a vidiri cu lu Signuri!
Ma ora sentu di sta terra lu lamentu,
picchì c’è lu viceré a cumannari na’ l’isola di lu suli.
Di la Spagna dipenni lu poviru sicilianu,
distinatu sempri a calari la testa a lu straniu.
Di Ferdinannu di Castiglia prima, di Alfonso quinto, di don Giovanni d’Aragona e  Firdinannu lu Cattolicu appressu,
di sti’ re spagnoli n’appimu chini li coffi!
Pi’ la nostra bedda isola scarsu fu lu ‘nteressi,
foru sulu boni a aumintari li tassi.
Lu tribunali di lu sant’uffiziu nni purtaru
e l’ebrei fora di l’isola assicutaru.
Tempu di baruna e tempu di brianti,
e a lu puvireddu nun ci arrestava avutru chi priari li santi.
Mortu lu re Firdinannu, a lu niputi Carlo quinto passà lu guvernu,
Asburgo d’Austria e cchiù tardu di la Germania imperaturi,
si misi a rignari e parìa ‘nteressatu a l’isola di lu suli.
Ma prestu caderu li speranzi di li siciliani:
li guai di la pignata li sapi la cucchiara,
ognunu di la propria casa ava essiri patruni!

Musica di sottofondo.

La Rocca inizia a camminare verso il centro della scena.
I musici iniziano una ballata.

CANTO

Contastorie: 
Arrivatu è lu mumentu! L’emozioni mi fa battiri lu cori.
Marinisi! semu a lu 1550 dell’anno del Signore!

La rocca: 
Arrivà lu tempu chi tantu avemu aspittatu.
Marineo nasci di lu cori di un omu: Francesco Beccadelli,
nobili discingenti di Bologna ‘nna la Sicilia assai rispittatu.
Nna’ la Sicilia di Carlo quinto imperatori
pi’ la so’ fedeltà a la corona fu primiatu comu fidili servitori.
Nominatu pretori di Palermu, e poi tesorieri di lu reali patrimomiu,
fu deputatu di lu regnu;  patruni di Cefalà e baruni di ddù territoriu.
Pi’ grazia reali ricivi la “licentiae populandi”
e Marineo nasci di lu cori e lu geniu di dda menti.

Musica.

Entrano in scena due nobili: Francesco e Gilberto Beccadelli.

F. Beccadelli:
Suspiru ogn’ura vidennu li me’ jorna accurzari,
e a lu celu cocchi annu vogghiu addumannari.
Ma no picchì pritennu di assai campari, no!
Sulu vulissi, comu l’haiu ‘mmagginatu ‘nta lu cori,
vidiri la me’ citati nasciri, china di suli e ‘nvista di lu mari.
Marineo, quantu ma’ fattu suspirari!
Viu li primi centu casi, una pi’ una l’haiu sugnatu, nicareddi,
comu tanti picureddi a li pedi di la rocca li vogghiu situari.
Pi la pratica di la nostra santa religioni
pinsavu ‘na chisuzza, pi’ cunfortu spirituali di la popolazioni,
dedicata a la santa Matri di Dio comu voli la tradizioni.
Cchiù sutta unni sgorga la surgenti
un lavatoiu chi pozza serbiri a tutta la genti.
E tanti, tanti avuti cosi haiu sugnatu
pi’ la me’ Marineo, chi nasci sutta la rocca,
chi nasci dintra un cori di ‘nnamuratu.

La Rocca:  
Don Francesco di Bologna…
ddu jornu chi l’occhi vostri si firmaru a talari sti’ cuntrati
granni onuri mi dastivu di custodiri la vostra citati!
Io pi’ li me’ figghi sugnu comu la spiranza,
e puru di luntanu ogni marinisi senti la me’ presenza.
Io sugnu lu ricordu di l’infanzia chi nun mori mai,
e porta ogni omu a turnari na’ la terra di li so’ avi.

Beccadelli:
Amata rocca, io prestu mi nni vaiu pi lu riposu eternu,
ma davanti lu Signuri nun portu nuddu rimpiantu.
Me figghiu Gilberto veni appressu di mia,
e di li cosi chi fici ni sapi parrai la storia.

G. Beccadelli:
Sì patri, io sugnu lu degnu successuri di l’opera vostra:
sutta lu me’ guvernu Marineo crisci,
di brivaturi, chiesi e casi, picchì di sti cosi ni’ sugnu mastru.
La bedda Matrici!
dedicata a San Giorgio la fazzu costruiri appena fora lu paisi,
ad opera d’arti e spaziusa, pi’ dari postu a tutti li marinisi.
Un palazzu pi la me’ famigghia chi talìa versu lu mari,
di semplici fattura, quantu basta pi’ li me’ chiffari.
Marineo crisci di tanti belli cosi.
Itivinni serenu, patri, picchì comu vui amu stu’ paisi.

La Rocca:  
Marchesi Gilberto, boni li cosi fa fari l’amuri,
e all’omu chi li fa pi’ secoli e secoli ci porta tantu onuri.

Musica.

I due nobiluomini escono di scena.

Contastorie:  
Paroli santi!
Putissimu di tutta la Sicilia li stessi cosi diri!
Ma è ebbica di decadenza e di miseria pi l’isola di lu suli!

Rullo di tamburo. Il contastorie trasale.

Contastorie: 
Chi è? Chi succedi?

Banditore: 
A tutti li fimmini di sta’ cuntrata
sia tu schietta o maritata
nun iti a mari, li turchi ci sunnu!
E si nun attintati stu santu bannu
la vintura chi circati si rivota a vostru dannu!

Contastorie: 
Li turchi ‘nfestanu li costi siciliani,
abbramati cercanu schiavi, cercanu manciari;
li pirati sbarcanu e arrobbanu,
di li nostri fimmini nni privanu;
unn’è la Spagna a difenniri ‘sta povera genti?
Signor viceré, hannu pagatu tassi pi poi nun aviri nenti!

Entra in scena un giovanotto dall’aria sconsolata.

Giovane:   
Agata!… Agatuzza… Chi pena ‘nta stu cori!
Si morta ti sapissi, lu duluri a picca a picca scumparissi,
ma pena viva nun passa,
e pi mentri campu lu turmentu nun mi lassa!
Si accorge dei musici.
Sunatura! Vuavutri ca lu munnu aviti tantu giratu
datimi notizia di l’amanti mia, chi pozza essiri cunsulatu!

 I musici scuotono la testa. Il giovane si rivolge al contastorie.

Giovane: 
E vui cuntastori, vui ca sapiti ogni sorta di stranizza,
vui ca viditi luntanu cu la vostra saggizza,
dicitimi… quali nova vi porta lu ventu,
e si chiantu di donna sintiti
di quali locu arriva ddu lamentu!

Contastorie: 
Chianciri sentu… tanti lacrimi mi porta lu ventu…
di un locu luntanu… luntanu… di un munnu straniu…

CANTO:  ‘ntra viddi e vaddi  (autore anonimo)

Alla fine del canto il giovane va via ripetendo varie volte il nome della sua amata.
La rocca si avvicina al contastorie.

Contastorie:  
Quantu frati, soru, figghi li pirati n’arrubbaru,
e quantu dannu a lu cummerciu!
Di quantu beni ddi scellerati nni privaru.

La Rocca:
Chianci lu populu di sta terra mala guvirnata,
li ricchi sunnu li patruna di la giustizia
e cancianu lu distinu di li puvireddi lu tempu di na’ jurnata.
Puru lu nostru paisi soffri:
lu secunnu marchisi, Vincenzo Beccadelli, fu un omu di valuri
si taliamu li so’ pruizzi ‘ncampu militari.
Ma scarsu fu l’ingegnu pi l’affari
e l’eredità di so’ patri mali sappi amministrari.
Aumentanu li debiti e qualchi feudu si perdi pi li viola,
ma a Marineo la fici na’ cosa bona:
un cummentu supra ‘na rocca, pi li francescani,
ca pi la posizioni ricorda lu calvariu a li cristiani.

Contastorie:  
Ah, la chiesa di la Madinnuzza di la Daina!
Quanta divuzioni nasci pi ddu’ quatru binidittu
chi nottitempu ni arrivà di lu romitoriu di lu scanzanu!
Comu fu ssu fattu?

La Rocca:
Quannu vinni lu tempu,
li francescani si n’avianu a ghiri a lu cummentu.
Gesù, chi nun sia mai! Pusamu li cosi sacri!
Protestaru li divoti di la chiana di li greci.
Ma a li marinisi nun ci potti paci.
Di notti scinneru a la masseria di lu scanzanu
e lu quatru cu tutti l’atri cosi si pigghiaru.

Entrano in scena alcuni popolani con le fiaccole in mano; seguono altri con gli oggetti sacri e il quadro della Madonna della Daina.

Canto:   ALLA SANTA MADRE DI DIO

Popolano:   Viva Maria!
Tutti:          Viva Maria!

I popolani escono di scena.

Contastorie:
L’ebbichi tinti sunnu sempri ‘llumunati di la luci divina,
e lu popolu trova li forzi pi tirari avanti ‘nna lu tempu di svintura.
Arrivamu a Filippu quartu ma li cosi eru a ‘ntintiri,
maluguvernu e pesti, la morti gira comu un mitateri.
Signuri scanzatinni! Chi c’è di fari?
grida la genti: si mali ficimu n’aviti a pirdunari!
La risposta arriva di lu cielu pi mmenzu di Santa Rusulia:
è la fini di lu ‘nfernu,
torna la vita, e lu populu fa festa a la santa di Palermu.
Ma peggio di la pesti torna la guerra
e pi trent’anni porta ancora morti na sta marturiata terra!
E si inchi lu cucucciu quannu sicca lu furmentu,
arriva la carestia; lu populu grida: mea curpa!
E cala lu mussu ‘nterra pi pintimentu.

Entrano in scena una processione di popolani con le fiaccole in mano e bardati da penitenti. Le preghiere sono accompagnate da un canto sommesso.

Contastorie:  
‘Na li citati e ‘na li campagni si senti lu lamentu,
lu populu avi pitittu, ma manca lu furmentu!
La raggia adduma comu focu ‘ntà la pagghia:
a li testi testi e a cu pigghia pigghia!

Da dietro le quinte arriva un tumulto: entrano in scena un numeroso gruppo di popolani bellicosi con fiaccole e bastoni in mano.

Popolani:   Viva lu re! Abbassu li tassi e lu maluguvernu!

Una donna in testa al gruppo ha in mano una pagnotta.

Folla:    Pane! Pane! Vulemu u pani!
Uomo:   Stamu murennu di pitittu! La curpa è di lu prituri e di lu viscuvu! Iddi hannu lu furmentu ammucciatu!
Donna:  Signuri! Chistu è lu pani chi nni dastivu!

La donna tira oltraggiosamente la pagnotta verso la porta della chiesa. Nella piazza cala il silenzio. Dalla porta della chiesa esce il canonico.

Prete:   Sacrilegiu! Osastivu oltraggiari la provvidenza divina!
Donna:  La povera genti mori di pitittu…
Prete:   Bisogna raccumannarisi a Dio, fari penitenza!
Popolano:   Avi jorna e jorna chi piniamu!
Prete:   E nun basta! Bisogna perseverare e confidari nna la misericordia divina! Peccavimus Domine et peccata nostra cognoscimus!
Popolano:   Lu signor pretore! Iddu avi lu pani pi tutti!
Donna:  Rumpemuci li corna!

Dalla folla si alza un nuovo tumulto. Tutti si spostano minacciosi dietro le quinte. Si sentono frastuoni, grida e calpestii.

Contastorie: 
Na’ la storia a chi cosa hannu purtatu li rivoluzioni?
Odiu e morti pi’ piggiurari la riali situazioni.
Quannu si placaru l’animi di li cristiani
a caru prezzu appiru lu pani.
Lu poviru arrista’ poviru, c’è pocu da fari
sunnu sempri li ricchi a cumannari.
Cu la santa matri chiesa comu finì la questioni?
Lu viscuvu di Murriali fici un pubblicu esorciscmu e detti a tutti l’assoluzioni.
E all’ultimu di cu fu la curpa di tanta cunfisioni?
Di lu diavulu si dissi,
itivinni tutti a la casa e turnati la duminica a vidiri missi.

La Rocca: 
Quannu parica ogni cosa va a ‘ntintiri,
lu cielu si grapi e arriva la provvidenza a rimidiari.
La grazia posa l’occhi nna la miseria di stu paisi,
e fa donu di granni santità a tutti li marinisi.
La reliquia di santu Ciru appiru l’onuri di custudiri
e lu santu di Alessandria, di Marineo fu lu santu protetturi.

DANZA DEI LUMI
Otto fanciulle entrano in scena danzando: in mano ognuno porta una lucerna.
Alla fine della danza si dispongono sui gradini del sagrato in due file; la donna che raffigura la grazia inizia a cantare e passa in mezzo a loro; alla fine del canto si spalancano le porte della chiesa.

La Rocca:  
Santu Ciru arriva e già di tutti li cristiani è veneratu:
don Girolamo Pilo, prima di tutti,
ca pi la reliquia tantu s’avia adoperatu.
Oggi è festa pi tutti li cristiani chi grazia addumannanu ogn’ura,
priati santu Ciru ca lu Signuri vi porta vincitura.

Entrano in scena Don Girolamo Pilo con la sua famiglia e si fermamo ad attendere davanti la chiesa la folla dei fedeli che portano la reliquia.
La processione è formata da: il gruppo della congregazione dei miserere, il gruppo che sostiene la reliquia, dai prelati, ed infine dai numerosi fedeli popolani.
La reliquia viene portata al centro della scena.

Prelato: 
Padre Eliseo da Messina, dell’ordine dei Carmelitani Scalsi, di Santa Maria di Monserrato dell’Urbe, per tutti coloro che ne fanno ispezione facciamo fede e attestiamo che noi, a maggior gloria di Dio e dei suoi santi, abbiamo dato in dono e consegnato il capo di san Ciro martire a tutto il popolo di Marineo qui rappresentato da don Girolamo Pilo Bologna.

Segue una grande acclamazione di gioia da parte dei fedeli. Poi tutti entrano in chiesa dalla porta principale.

Contastorie:  
Piccatu ca lu tempu di la paci dura pocu,
dura… quantu lu tempu chi vi lu dicu.
Semu all’ebbica ca la genti a la minima occasioni
è pronta ad armari ‘na rivoluzioni.
Carlu secunnu, re di Spagna, vitti la ribellioni di Messina:
ancora morti e ancora distruzioni,
s’adduma l’ira di lu re e pi dda citati fu la rovina.
Puru Muncibeddu si ci misi,
lu ciumi di focu arriva finu a lu mari,
brucia la terra comu fussi frasca, la genti pari dispirari.
Arriva a tradimentu ‘na matina lu tirrimotu
e distruggi li paisi di Modica e di Notu.
La vita si ferma nna l’isola di lu suli
e li viceré picca pottiru fari.
Ora a lu tronu di Spagna ci sunnu tanti pritinnenti
e si iocanu la Sicilia ‘nna li campi di battagghia, comu nenti.
All’urtimu Filippu quintu lu Burbuni nun appi nenti chi fari,
a li manu di Vittoriu Amodeu di Savoia sta terra appi a lassari.
Ma prestu si fa avanti l’Austria, cu Carlu l’imperaturi,
e scancia la Toscana e la Sardegna cu l’isola di lu suli.
Picca, però, durà ddu guvernu
picchì la Spagna prestu si ripigghia la Sicilia cummattennu,
e ‘nzemmula a Napoli nni ficiru tutta ‘na cosa
e li Burbuna, na’ sta terra disulata, prestu foru di casa.
Carlu terzu passà lu regnu a Firdinannu, so’ figghiu,
picchì lu tronu di Spagna appi bisognu d’iddu.

Musica settecentesca.
Entrano in scena due coppie di cortigiani, avanzano verso il Contastorie, fanno un profondo inchino e si apprestano a danzare.

Contastorie: 
C’è aria di festa ‘Mpalermu, lu viceré fa grapiri lu palazzu riali;
li nobili ballanu, spennino, sullazzanu comu fussiru maiali.

DANZA: MINUETTO

Alla fine, prima di uscire di scena, si inchinano davanti il pubblico, poi davanti i musici, i quali sghignazzano senza riguardo.

MUSICA PER DANZA

Entrano in scena alcuni popolani e danzano in modo sfrenato. Alla fine ringraziano i musici ed escono di scena schiamazzando.

Contastorie: 
C’è un novu vicerè a lu palazzu,
Minicu Caracciolo, omu tuttu d’un pezzu.
Comu dici la storia fu menti ‘lluminata,
ma cu li so riformi purtà scompigghiu nna sta terra assai arretrata.
E di la so’ giustizia si fici pigghiari la manu,
unni vitti e unni svitti,
tagghiamu li ammi a lu monacu e a lu parrinu!
Di dda mentalità moderna lu populu si ‘ntisi tramazzatu,
nun vosi canciari, e a li vecchi usanzi arristà attaccatu.

La Rocca:
Li vecchi tradizioni vannu rispittati,
e quannu fannu nobili la memoria nun vannu mai scurdati!
A li tempi di Ignazio Pilo Migliaccio, lu novu marchisi di Marineo,
li chiesi di tanti opiri d’arti s’arriccheru!
Tra la chiesa di lu crocifissu e la matrici
nasci lu colleggiu di Maria, pi la gioia di lu paisi,
e ‘na chiesa a la Madonna nna lu chianiolu di Scanzanu
pi aviri cunfortu lu pilligrinu.

Entra in scena un uomo, che ha tutta l’aria del pellegrino. Si avvicina al contastorie.

Pellegrino:  Domando scusa a voscenza…
Contastorie:  Parrassi furasteri, c’è cosa?
Pellegrino:  Ah, pi’ l’armuzzi santi! Li me scarpi chiancinu la sola di quantu haiu caminatu!
Contastorie:  Allura viniti di luntanu!
Pellegrino:  Di Girgenti, misseri.
Contastorie:  Misseri… troppa grazia furasteri!

Pellegrino: 
Nun siti forsi vui un cuntastori?
E li cuntastori sunnu li patruna di li paroli,
maistri a ‘ntrizzari vicenni d’ora e di ‘na vota.
Criditimi…
(rivolto al pubblico)
li cuntastorii ‘nni sannu chiossà di l’avvocati!

I musici prendono in giro il contastorie facendo degli sberleffi.

Contastorie: 
Chissa è la ‘mmidia chi vi fa arraggiari!
Lassamu perdiri lu misseri,
ma vuatri la maestranza vi la putiti sulu ‘nzunnari!
Dunca, bonu cristianu, è Girgenti la vostra citati o siti nativu di ‘ddi cuntrati?

Pellegrino:
A diri la verità io vegnu di un paisi ddà vicinu,
e sunnu jorna chi caminu,
manciannu un cuzzuneddu di pani accumpagnatu d’un sorsu di vinu.
Mi partivi pi la prima vota ‘nna la me’ vita dopu ‘na grazia ricevuta.
Pi’ votu haiu albirgatu unni ha capitatu.

Contastorie:  Allura siti un pilligrinu?

Pellegrino: 
Chiamatimi comu vuliti, ‘ma vota ca sugnu ccà Palermu vogghiu visitari;
di li beddi cosi chi ci su’ sempri n’haiu ‘ntisu parrari.
Vogghiu iri a la cattedrali, pi adempiri a un votu.
Pillirini capitati nna’ li me banni
cuntaru di li biddizzi di sta chiesa granni!

Contastorie:
Rallegrativi, divotu pilligrinu, ca a la cattedrali ci siti vicinu.
(Guardando la piccola botte del pellegrino)
Ma livatimi ‘na curiosità… chi vi purtati appressu stu fardeddu?

Pellegrino: 
E’ vinu bonu, donu pi lu viscuvu, misseri!
Vinu ‘nvicchiatu… pi lu santu artari

Contastorie: 
Quantu ‘nutili vi purtastivu! Dunca nun sapiti furasteri?
Lu viscuvu voli sulu vinu novu, picchì lu vecchiu la testa fa girari!
Vi lu ‘mmagginati lu viscuvi ‘mbriacu nna’ lu megghiu di la missa?
Diu ‘nni scanzi, megghiu nun pinsari comu fussi!

Pellegrino:    E ora chi nni fazzu di stu pisu mortu?

Contastorie: 
Ma quali mortu… certu… chi vi pozzu diri…
io a beddu cori vi lu putissi custodiri!

1° musico:  Mastru Totò, emuci adaciu cu lu viniceddu…
2° musico:  Nun vi scurdati ca vi fa mali e poi sparrati!
Contastorie:  Ohè ohè! Farcitivi l’affari vostri ca a li me’ ci penzu io!

Pellegrino: 
Misseri, li picciotti hannu ragiuni,
a’ la nostra età certi prudizzi nun li putemu cchiù fari!
Vuatri ca la gioventù ancora l’aviti, vivitivillu a la saluti nostra, tiniti!

I musici improvvisano una tarantella. Il pellegrino riprende la sua via e il contastorie si siede sconsolato.

Contastorie:
Bella vita… si durassi!
Currìa lu tempu di Napuliuni conquistaturi:
li Burbuna alleanza ficiru cu li ‘nglisi
pi scanzarisi un’invasioni di li timuti francisi.
E quannu a Napuli arrivà Napuliuni
scappa Firdinannu ‘Mpalermu cu un grossu seguitu di napulitani.
Fu cuntentu lu populu sicilianu d’aviri lu re, quali onuri!
finu a quannu nun lu vittiru turnari a Napuli, comu un tradituri.
E ogni vota chi la sorti di lu re era minacciata, prestu Burbuni,
pi tia sunnu aperti li porti di l’isola di lu suli!
La regina schifiata taliava lu populu sicilianu comu fussi lanzu,
nna sta’ terra arretrata, dicìa, nun c’è speranza di canciamentu.
Li baruna e li burgisi attaccati sempri a la terra e a li vecchi tradizioni
di la Sicilia disiavanu l’autonomia, e armavanu li rivoluzioni.
Sta’ Sicilia bedda stenta a caminari,
lu progressu è firmatu di la menti criminali!
Ah, quali onuri essiri brianti,
li latri e li lazzaruna nna sti tempi vannu avanti.

La Rocca: 
A Marineo lu marchesatu di li Bologna perdi putiri,
ora ci sunnu li possidenti di la terra a cumannari.
Nutari, avvocati, genti chi cunta nna lu paisi,
ognunu pensa comu megghiu arraffari
e a cu nun ci cummeni nni fa li spisi.
Sunnu anni ca spissu ci scappa lu mortu,
fineru li beddi tempi, chiddu ch’è fattu è fattu.
S’ammazzanu comu li cani li me’ figghi, e comu mi chianci lu cori
a vidiri di sta me’ Marineo finiri li splendori.

Contastorie:  
Amata signura, nun ci stati a pinsari,
ritorna lu beddu tempu, nun lintamu di spirari!
Chi putemu diri, ora ca semu arrivati a la conclusioni?
Lu marinisi pi fari beddi cosi nun nni perdi occasioni!
(Rivolto al pubblico)
Firdinannu secunnu disiava li riformi pi l’isola di lu suli,
ma ci su’ li carbunari, ancora ventu di rivoluzioni.
Libiramu la Sicilia di li napulitani!
Ma nun c’è nenti di fari: li cosi parino sempri di na’ manera arristari.
E comu l’armalu cala li corna davanti a lu vastuni
cala la testa lu sicilianu a lu timutu Burbuni.

Entra in scena un uomo travestito da donna, e si dirige direttamente verso il contastorie.

Marietta:  A vossìa conzascarpi!
Contastorie:  Diciti a mia, bonadonna?

Marietta:
Chi siti gentili!
Li boni maneri di la genti di paisi, nun haiu chi diri!

Contastorie: 
Nun parramu di li fimmini di città! Signora…
pi modu di diri, chi faciti pi sti viola?

Marietta: 
Marietta mi chiamu, e si ci arrivu entru chi scura
vaiu a truvari li parenti chi stanno dintra li mura!

Contastorie:  Dintra li mura? Ma chi sintiti diri, a la bon’ura!

Marietta: 
Lu carceri voscenza! Ma quali strata pigghiu p’accurzari,
pocu frequentata di la genti malintenzionata!

Contastorie: 
Nn’amati pacenzia? Siti fimmina, lu periculu è facili ca lu curriti,
la strata è ricca di malandrini unni vi vutati vutati!

Marietta:  
E allura… pirmittiti ca mi accompagna sta bella signorina!
(Allude a una dei musici)

Contastorie: 
Puru! Pi lu motivu ca siti beddi e signorini,
vuliti purtari ‘nna la tana di la vurpi du’ beddi addini?

Marietta:    Mi nni vaiu… amu caputu… macari sciddicu di lu vadduni…

Mentre Marietta va via il contastorie nota il modo strano di camminare della donna. Ha un’intuizione.

Contastorie:
Ah ah! La vurpi! Signorina… pirdunati ancora la me’ ‘mpirtinenza,
ma chi aviti di caminari sciancata, si mi putiti dari sta’ cunfidenza?

Marietta: 
Haiu lu cravunchiu! Oh… chi malafiura,
comu pottiru nesciri sti’ paroli di sta vuccuzza  pura
comu l’acqua di la brivatura!

Intanto un musico si è avvicinato a Marietta e alzando un lembo della gonna fa notare a tutti l’arsenale che porta con sé.

Musico:  Viva lu Burbuni, a morti la rivoluzioni!

Marietta:  
(Andandosene al naturale)
Ah… genti vinnuta a lu stranieru!

Contastorie: 
Chi fu? Chi è?
Lu cravunchiu si spustà di lu darrè?
Mi parsi ca ci tirà la vuci
comu quannu t’agghiutti lu focu e lu balataru t’abbruci!

Marietta: 
(correggendo la voce)
M’abbrucianu li sintimenti quannu sentu certi cosi!
Arrè n’amu a ‘ncuntrari quannu Burbuni si nni torna a la so’ casa.

Marietta mentre esce di scena si incontra con un gentiluomo. Quest’ultimo si avvicina al contastorie.

Gentiluomo: 
Fineru li re di cumannari,
e li tempi sunnu maturi pi l’unità.
La libertà, li siciliani, ancora pocu  l’annu a disiari!
L’esiliati tornanu in patria e s’accordanu cu l’amici di la rivoluzioni,
e di un certu Garibaldi, si senti diri, prontu a sbarcari nna l’isola di lu suli.

CANTO:  Vinni cu vinni

Mentre si esegue il canto entrano in scena popolani con il tricolore sventolante.
Alla fine del canto i popolani rimangono in scena. Il contastorie si avvicina al pubblico insieme alla rocca.

Contastorie: 
Cu milli valurusi Garibaldi sbarca a Marsala
lu populu grida: fora li napulitani di l’isola di lu suli!
Dopo tri jorna liberanu Salemi; si cummatti a Calatafimi
e ‘Mpalermu s’arrenninu li napulitani.
Dopu la vinuta di Garibaldi “lu liberaturi”
la genti pinsava: finalmenti canciaru li cosi nna l’isola di lu suli.
Granni fu la delusioni di lu poviru cristianu
nun c’è propria speranza pi ccu voli fari qualchi cosa di bonu;
cu li sordi o la priputenza si va avanti
arresta sulu la rassegnazioni pi l’onestu e pi cu nun pussedi nenti.
Ma a nuatri poeti ca cridemu nna la biddizza e di speranza campamu
nni piaci pinsari ca puru nna lu cchiù tintu
c’è ammucciatu sempri qualchi cosa di bonu.

La Rocca: 
Sì, caru mastru Totò, cuntastorii e conzascarpi di lu vurghiddu,
chi putemu diri di ognunu?
Si facissi avanti e parrassi cu si cridi megghiu.

Contastorie:  
Amata rocca, lu vostru ricordu nna lu cori di lu marinisi
ha datu sempri tantu cunfortu,
e specialmente pi ccu è luntanu di lu paisi;
ed è a li nostri emigranti, ca parteru a circari la bona vintura,
ca dedicamu stu mumentu di storia
pi sapiri chiddu chi fomu, e pi l’avveniri farinni memoria.

Musica di sottofondo.

Contastorie: 
Suli chi nasci nna’ stu’ specchiu di mari
unni l’occhiu si perdi…
nna’ sta’ vaddi di mennuli amari.

Suli tu nasci e la terra s’appara
e la linfa s’infoca e rivugghi
‘ntrà li fogghi di la nuara.

Biunni lavura, spighi maturi
suli nascennu d’oru li culuri;
zappuni a li manu s’avvia lu jurnateri
suli tu ‘nfochi nna’ li carni cotti di suduri.

Suli chi mori nna’ li menti traviati
e la terra chianci lu sangu
di tanti cori marturiati.

Suli tu mori nna’ stu’ cori ‘nnamuratu
quali pena, quali duluri!
scuru spargi la manu di l’omu ‘ngratu.

Duci paroli, suspiri d’amuri
suli murennu d’amaru li ‘mmileni!
Oh, puisia scunfiggi la viulenza
suli rinasci pi’ ridarinni spiranza!

CANTO:  Sta’ terra mmilinata… (santu Giorgiu santu Ciru…)

 

Scroll Up