La lunga notte di Giacobbe

Il messaggio di Cristo nel mio sogno di bellezza

AVE MYRIAM

 

INTRODUZIONE

NARRATORE
Per mezzo della santissima Vergine Maria Gesù Cristo è venuto al mondo, ugualmente per mezzo di lei egli deve regnare nel mondo. Maria condusse una vita assai nascosta; per questo è chiamata dallo Spirito Santo e dalla Chiesa Alma Mater: Madre nascosta e segreta. La sua umiltà fu così profonda che ella non ebbe sulla terra attrattiva più potente e continua che quella di celarsi a se stessa e ad ogni creatura, per non essere conosciuta che da Dio solo.

Dio, per esaudirla nelle richieste ch’ella gli fece di tenerla nascosta, povera e umile, si compiacque di nasconderla nella sua concezione, nella sua nascita, nella sua vita, nei suoi misteri, nella sua risurrezione e assunzione.
I suoi genitori stessi non la conoscevano; e gli angeli si domandavano spesso l’un l’altro: «Chi è costei?», poiché l’Altissimo la nascondeva ai loro sguardi o se ne svelava loro qualche pregio, infinitamente superiore era ciò che teneva loro nascosto.

Il Padre acconsentì che ella non facesse miracoli nella sua vita, almeno di strepitosi, nonostante gliene avesse dato il potere. Il Figlio acconsentì ch’ella non parlasse quasi mai, benché le avesse comunicato la sua sapienza. Spirito Santo acconsentì che i suoi Apostoli ed Evangelisti ne parlassero pochissimo e soltanto quanto era necessario per far conoscere Gesù Cristo, sebbene fosse la sua Sposa fedele.
Maria è l’eccellente capolavoro dell’Altissimo, di cui egli si riservò la conoscenza e il possesso.                       
(Luigi Maria Grignion)

MUSICA

NARRATRICE
Salve Maria, purissima vergine, dolcissima madre!
Verso di te mi attira nuovamente l’amore.

Nulla ho da offrirti, nulla da domandare,
vengo solamente, o Madre, per guardarti;
guardare il tuo volto, lasciare il cuore cantare
nel suo proprio linguaggio.

Perché tu sei bella, perché sei immacolata,
la donna della grazia finalmente restituita,
la creatura nel suo onore primo e nel suo sboccio finale,
com’è uscita da Dio, nel mattino del suo splendore originale.

Intatta ineffabilmente, perché sei la Madre di Gesù Cristo,
che è la verità fra le tue braccia,
e la sola speranza e il solo frutto.

Perché sei la donna,
l’Eden dell’antica tenerezza dimenticata,
semplicemente perché esisti, Madre di Gesù Cristo,
che tu sii ringraziata.                                                                                                                                                             (Paul Claudel)

NARRATORE
AVE MYRIAM! VIRGO DEI, VIRGO PIA
MATER MUNDI SALVATORIS, AVE!

O Tutta Santa, che Dio creò per Sé e poi per salute agli uomi­ni! Portatrice del Salvatore, la prima salvezza tu fosti. Viven­te Paradiso, hai col tuo sorriso cominciato a santificare la terra.

Come petalo di empirea rosa, un peta­lo immateriale e prezioso che era gemma e fiamma, che era alito di Dio che scendeva ad animare una carne ben diversa­mente che per le altre, che scendeva tanto potente nel suo fuoco che la Colpa non poté contaminarla, essa valicò gli spazi e si chiuse in un seno santo. La terra aveva, e non lo sapeva ancora, il suo Fiore. Il ve­ro, unico Fiore che fiorisce eterno: giglio e rosa, mammola e gelsomino, elianto e ciclamino insieme fusi, e con essi tutti i fiori della terra in un Fiore solo, Maria, nella quale ogni virtù e grazia si aduna.

Ella fu l’Immacolata, la senza macchia: contemplarla vuol dire tuffarsi nell’azzurro, nella luce, nell’amore.
                                                                                                                                                                                                    (Maria Valtorta)

NARRATRICE

“Dio mi possedette all’inizio delle sue opere, fin dal principio, avanti la creazione. Ab aeterno fui stabilita, al principio, avanti che fosse fatta la terra, non erano ancora gli abissi ed io ero già concepita. Non ancora le sorgenti dell’acque rigurgitavano ed i monti s’erano eretti nella loro grave mole, né le colline eran monili al sole, che io ero partorita.
Dio non aveva ancora fatto la terra, i fiumi e i cardini del mondo, ed io ero. Quando preparava i cieli io ero presente, quando con legge immutabile chiuse sotto la volta l’abisso, quando rese stabile in alto la volta celeste e vi sospese le fonti delle acque, quando fissava al mare i suoi confini e dava leggi alle acque, quando dava legge alle acque di non passare il loro termine, quando gettava i fondamenti della terra, io ero con Lui a ordinare tutte le cose. Sempre nella gioia scherzavo dinanzi a Lui continuamente, scherzavo nell’universo…”.
                                                                                                                                                                                     (Sapienza – M. Valtorta)

NARRATORE
Ecco la Sposa del Re: immacolata, santa, palpitante d’amore. Il suo “si” è la gioia di tutto il creato.

Dice lo sposo: “Vieni con me al mio fianco, vedi quanto io faccio per il Figlio nostro. Guarda e giubila eterna Vergine, fanciulla eterna, e il tuo riso empia questo empireo, e dia agli angeli la nota iniziale, al paradiso insegni l’armonia celeste.

Io ti guardo, e ti vedo quale sarai, o Donna Immacolata che ora sei solo spirito: lo spirito in cui Io mi beo.

Io ti guardo e do l’azzurro del tuo sguardo al mare e al firmamento, il colore dei tuoi capelli al grano santo, il candore al giglio e il roseo alla rosa com’è la tua epidermide di seta. Copio le perle dai tuoi denti minuti, faccio le dolci fragole guardando la tua bocca, agli usignoli metto in gola le tue note e alle tortore il tuo pianto.

E leggendo i tuoi futuri pensieri, udendo i palpiti del tuo cuore, io ho il motivo di guida nel creare.

Vieni mia gioia, abiti i mondi per trastullo, sicché mi sarai luce danzante nel pensiero, i mondi per tuo riso, abbiti i serti di stelle e le collane d’astri, mettiti la luna sotto i piedi gentili, fasciati nella fascia stellare di Galatea. Sono per te le stelle e i pianeti.

Vieni e godi vedendo i fiori che saranno giuoco al tuo Bambino e guanciale al Figlio del tuo seno. Vieni e vedi creare le pecore e gli agnelli, le aquile e le colombe.

Siimi presso mentre faccio le coppe dei mari e dei fiumi e alzo le montagne e le dipingo di neve e di selve, mentre semino le biade, gli alberi e le viti, e faccio l’ulivo per te, mia Pacifica, e la vite per te, mio tralcio che porterai il Grappolo eucaristico.

Scorri, vola, giubila, o mia bella, e il mondo universo, che si crea d’ora in ora, impari ad amarmi da te, Amorosa, e si faccia più bello per il tuo riso, Madre del mio Figlio, Regina del mio Paradiso, amore del tuo Dio.”
                                                                                                                                                                                                     (Maria Valtorta)

NARRATRICE
Effonde il mio cuore liete parole,
io canto al re il mio poema.
La mia lingua è stilo di scriba veloce.                                                                                                                                            (Salmo 44)

Lèvati, aquilone, e tu, austro, vieni,
soffia nel mio giardino
si effondano i suoi aromi.
Venga il mio diletto nel suo giardino
e ne mangi i frutti squisiti.
Io sono per il mio diletto,
e il mio diletto è per me.
                                                                                                                                                                                                (Cantico dei cantici)

NARRATORE
Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.
                                                                                                                                                                                                               (Lc 1,26-27)

NARRATRICE
L’arcangelo Gabriele fu mandato dal cielo a Nazaret, villaggio di Galilea, per portare ad una fanciulla gli annunci della gioia. E quando le fu di fronte, così egli esclamò:
“Salve, o piena di grazia, il Signore è con te. Salve, abitazione della divinità. Colui che i cieli non possono contenere, è contenuto nel tuo seno, o Benedetta. Salve, o pia, salvezza d’Adamo, riscatto di Eva, gioia del mondo. Salve, trono infuocato; salve, cattedra celeste del re. Salve, montagna intatta, dimora di ogni onore. In te, infatti, abita la pienezza della divinità   per volontà dell’eterno Padre e l’intervento dello Spirito Santo.
Salve, o piena di grazia, il Signore è con te.”
                                                                                                                                                                                                              (Anatolio)

NARRATORE
O saluto dell’angelo, pieno di dolcezza e di gioia! Dicendo “Ave Maria” presenta alla Vergine il saluto del cielo. Dicendo poi “piena di grazia” dichiara condonata la punizione per cui i progenitori furono allontanati da Dio, e proclama restituito il dono della benedizione superna.
O Vergine benedetta, o Vergine, dal Creatore del mondo prescelta e predestinata, madre senza concorso d’uomo, concepirai colui che prima dei secoli è stato generato senza madre dall’eterno Padre.
                                                                                                                                                                                                                 (Eleuterio)

NARRATRICE
Lo Spirito stese le sue ali sul grembo della Vergine, ed ella concepì e partorì e divenne madre-vergine con grande sollecitudine.
Rimase incinta e partorì senza dolore un figlio. Lo generò in esempio, lo possedette in grande potenza, lo amò in salvezza, lo custodì nella soavità, lo mostrò nella grandezza.
Odi di Salomone

NARRATORE
Rispondi presto, o Vergine, rispondi presto all’Angelo, anzi a Dio per mezzo dell’angelo. Dà la tua parola, e accogli la Parola: pronunzia la tua e accogli la divina; pronuncia la parola che passa, e abbraccia quella eterna.

Perché indugi? Perché tremi? Abbi fede, parla e ricevi il Verbo di Dio. La tua umiltà sia audace e la tua timidezza fiduciosa. Certamente in questo momento è bene che la tua verginale semplicità dimentichi la prudenza. In questo caso particolare non temere la presunzione, o Vergine saggia: se infatti è piacevole il tuo pudore nel silenzio, in questo momento, però, e più necessaria la tua pietà espressa nella parola.

Apri, dunque, o Vergine beata, il cuore alla fede, le tue labbra alla parola, il tuo seno al Creatore. Ecco, colui che è il desiderato da tutte le genti, sta fuori e bussa alla tua porta. Non avvenga che, per il tuo indugio, Egli passi oltre, e tu debba di nuovo, piangendo, ricercare l’amato dell’anima tua l’amato dell’anima tua!

Alzati, corri, apri! Sorgi con la fede, corri col tuo affetto, apri con il tuo consenso!
                                                                                                                                                                                   (Bernardo di Chiaravalle)

 NARRATRICE
Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto.”
                                                                                                                                                                                                              (Lc 1,38)

NARRATORE
“Francesco d’Assisi circondava di un amore indicibile la Madre di Gesù, perchè aveva reso nostro fratello il Signore della maestà. A suo onore cantava lodi particolari, innalzava preghiere, offriva affetti tanti e tali che lingua umana non potrebbe esprimere.”
                                                                                                                                                                                              (Tommaso da Celano)

Ave Signora, santa regina,
santa genitrice di Dio, Maria,
che sei vergine fatta Chiesa
ed eletta dal santissimo Padre celeste,
che ti ha consacrata
insieme con il santissimo suo Figlio diletto
e con lo Spirito Santo Paraclito;
tu in cui fu ed è ogni pienezza di grazia e ogni bene.
Ave, suo palazzo,
ave, suo tabernacolo,
ave, sua casa.
Ave, suo vestimento,
ave, sua ancella,
ave, sua Madre.
                                                                                                                                                                                   (San Francesco d’Assisi)

NARRATRICE
E così Caterina da Siena, e con lei ogni creatura amante dell’amore. Tutta la creazione innalza la sua lode a te, o Madre dell’altissimo.

O Maria, vaso d’umiltà,
nel quale vaso sta e arde
la luce del vero conoscimento
col quale t’innalzasti sopra di te
e piacesti al Padre eterno:
onde Egli ti rapì e ti trasse a sé
amandoti di singolare amore.
Con questa luce
e col fuoco della tua carità
e con l’olio della tua umiltà
traesti e inchinasti la sua divinità a venire a te;
benchè prima fu tratto dall’ardentissimo fuoco
della sua inestimabile carità
a venire a noi.
                                                                                                                                                                                           (Caterina da Siena)

Maria! La vergine bella, la vergine santa, la vergine immacolata, la vergine innamorata, la figlia diletta, la madre purissima, la sposa amorosa.
Quanto ci ha dato Iddio e ci continua a dare per lei, a richiesta di lei, perché la sua gioia si riversa nella gioia di Dio e l’aumenta a bagliori che empiono di sfavillii la luce, la gran luce del paradiso.
                                                                                                                                                                                                (Maria Valtorta)

NARRATORE
Vergine madre, figlia del tuo Figlio,
Umile ed alta più che creatura,
Termine fisso d’eterno consiglio.

Tu se’ colei che l’umana natura
Nobilitasti sì, che il suo Fattore
Non disdegnò di farsi sua fattura.

Nel ventre tuo si raccese l’amore
Per lo cui caldo nell’eterna pace
Così è germinato questo fiore.

Qui se’ a noi meridïana face
Di caritate; e giuso, intra i mortali,
Se’ di speranza fontana vivace.

Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
Che, qual vuol grazia e a te non ricorre,
Sua disïanza vuol volar senz’ali.

In te misericordia, in te pietate,
In te magnificenza, in te s’aduna
Quantunque in creatura è di bontate!
                                                                                                                                                                                     (Dante, Paradiso, XXXIII)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scroll Up